Inclusione Sociale

Ricerca-intervento sull’abbandono scolastico nella scuola post-obbligo. Regione Lazio (2000-2001)

La ricerca è stata ideata per rispondere ai due seguenti obiettivi principali:
• mettere a disposizione del sistema educativo e di formazione professionale del Lazio una migliore conoscenza del problema dell’abbandono scolastico nella scuola secondaria, approfondendo le ragioni e gli effetti di tale situazione;
• predisporre un pacchetto didattico destinato ai giovani che frequentano l’ultimo anno della scuola dell’obbligo per incoraggiarli al raggiungimento del successo formativo e alla prosecuzione degli studi, facendo conoscere loro i possibili esiti dell’abbandono dell’istruzione secondaria sulla base di esperienze reali.

leggi tutto

Ricerca-intervento sul disagio giovanile per la provincia di Napoli. (2001)

La ricerca ha avuto come scopo il rilevamento delle principali problematiche dei minori nella Provincia di Napoli e l’analisi degli strumenti informativi di cui si dispone per monitorare sia i bisogni dei minori che le risposte offerte dai servizi. Con ciò la Provincia si è proposta di appoggiare il processo di avvio dei piani territoriali per l’infanzia e l’adolescenza previsti dalla legge 285/97, ma ancor più di ricavare gli elementi necessari per poi mettere a punto un organico sistema d’informazione che sia di effettivo sostegno ai compiti di programmazione e valutazione delle politiche per i minori.

leggi tutto

Valutazione e monitoraggio dei progetti per minori e adolescenti ex lege 285/1977 nell’area metropolitana di Roma. (2000-2001)

La finalità generale è migliorare il processo d’attuazione della l. 285/97 a Roma attraverso la costituzione, la verifica e la messa a regime di un Sistema di Monitoraggio e Valutazione del Piano Territoriale Cittadino orientato a supportare i processi gestionali e decisionali del Comune di Roma nonché a far crescere complessivamente la capacità d’impatto dei progetti.

leggi tutto

Progetto ECIS – Educazione e cittadinanza sociale – Servizi educativi ed azioni preventive per l’inclusione sociale e la lotta alla dispersione scolastica.(Fondazione per il Sud 2008/2010)

Il presente progetto è stato attuato nei territori dei comuni di Lentini, Scordia, Catania, Acireale. Queste realtà urbane rappresentano delle realtà sociali altamente diversificate, sia per dimensioni demografiche sia per gli indicatori di disagio sociale. La scelta delle aree marginali ad alto livello di povertà e di devianza è sicuramente l’elemento che li accomuna.
Nel caso della città di Catania è stata scelta la Municipalità che comprende i quartieri del centro storico: Cappuccini-Antico Corso- S. Cristoforo-Civita Angeli Custodi. Nei comuni di Acireale, Lentini e Scordia esiste una presenza di servizi per minori ed adolescenti a rischio di devianza gestiti negli ultimi dieci anni anche dall’Osservatorio Mediterraneo e dai soggetti partners. In questi territori sono state realizzate diverse azioni preventive di contrasto alla dispersione scolastica gestite direttamente dalle scuole e da soggetti del terzo settore.

leggi tutto

La povertà al femminile: un’area di risorse per la costruzione del welfare ed il contrasto della povertà. (Istituto degli Innocenti di Firenze 2009/2011)

L’ipotesi da cui parte la presente ricerca è quella secondo cui le famiglie povere non solo esprimono bisogni e domande rilevanti di intervento assistenziale; ma sono capaci di svolgere numerosi compiti di cura nei confronti dei loro componenti e del vicinato divenendo in questo modo non soltanto semplici fruitori di servizi ma autonomi produttori di benessere.
In particolare quello che si vuole mettere in evidenza in questo studio è il ruolo particolarmente importante che svolgono le donne all’interno delle famiglie povere come produttrici di welfare.

leggi tutto

TALENTINRETE – Favorire la promozione di giovani talenti e dei valori positivi del calcio attraverso la creazione di un social network e la realizzazione di eventi sportivi. (Presidenza del Consiglio dei Ministri 2012/2015)

Il “gioco del calcio” che i ragazzi facevano per strada e, in quanto tale, portatore di valori quali divertimento, spirito di squadra, sana competitività, ha lasciato spazio e priorità, alla stregua di altri settori industriali, a regole capitalistiche. Il calcio in Italia è lo sport più seguito e praticato, rappresenta un elemento qualificante della cultura nazionale ma è divenuto un settore che ha convogliato interessi economici ed imprenditoriali. Esso genera un fatturato di 4-6 miliardi di euro (Fonte: Deloitte) di cui il 95% derivante da diritti tv, scommesse, stampa, merchandising, sponsor. Al tempo stesso, i settori giovanile e dilettantistico sono penalizzati dalla carenza di mezzi e risorse impedendo visibilità per i giovani talentuosi e diffusione dei valori più sani.

leggi tutto